Ordine del giorno: Modalità di gestione del rapporto con i titolari dei Veicoli Atipici detti Trenini

trenino-turistico

Qui di seguito l’ordiine del giorno presentato al Consiglio Comunale di Pisa dai consiglieri

Simonetta Ghezzani Sinistra Italiana
Francesco Auletta Una Citta In Comune Rifondazione Comunista
Elisabetta Zuccaro M5S

Ordine del giorno: Modalità di gestione del rapporto con i titolari dei Veicoli Atipici detti Trenini

Considerato che

  • nella delibera di modifica del regolamento per la tariffazione della sosta a pagamento è contenuta all’art.4 l’unica misura adottata dalla amministrazione comunale in riferimento ai veicoli atipici detti “trenini”
  • i veicoli atipici detti trenini circolano a Pisa dalla fine degli anni ’90 e il rapporto con i titolari di detti mezzi è stato regolato con ordinanze finalizzate alla autorizzazione e convenzioni e mai la amministrazione comunale ha provveduto attravreso delibere di consiglio o di giunta a regolare il servizio relativamente ai percorsi autorizzati e agli orari degli stessi
  • in tutte i provvedimenti dirigenziali venuti a conoscenza della IV commissione vengono richiamati tanto il Decreto del Ministero dei Traspori n.55 del 97 quanto la LR 42/98 per disporre sia la definizione dei percorsi autorizzati che il rinvio a un regolamento comunale del servizio
  • nell’allegato 2 alla presente delibera si inquadra il servizio come “ l’espressione di una libera attività economica e pertanto tutelata dalla direttiva servizi e dal D.lgs.59/2010 ed è sottoposta solo al rilascio di autorizzazione.” peraltro prevista dala LR 42/98 che richiama anche per questo tipo di trasporto la necessità della promulgazione di un regolamento

visto che

  • molte amministrazioni comunali hanno reso trasparente le regole di tale trasporto o attravreso regolamenti specifici o inserendo i veicoli atipici nei regolamenti dei servizi di trasporto non di linea accanto alla regolamentazione del cosiddetto trasporto atipico
  • l’interesse pubblico del servizio svolto dai trenini viene richiamato nelle ordinanze e nelle determine che negli anni hanno regolato il rapporto con i titolari del servizio come “attività di promozione turistica e di intersse didattico” e che tale funzione è stata ed è riconosciuta attraverso forme di esenzione nel pagamento delle tariffe per la sosta in ragione del 50% della tariffa complessiva
  • addirittura nella convenzione che la IVCCP ha potuto visionare, risalente al 2011, l’abbattimento della tariffa della sosta si estendeva anche ai BUS che potessero dimostrare di aver stipulato con i cosoddetti trenini un accordo per il trasporto di persone dal parcheggio scambiatore di Via Pietrasantina al Duomo ed altre location di interesse turistico, attribuendo di fatto a questi mezzi una funzione concorrente con il servizio pubblico di linea
  • i titolari dei trenini hanno quindi goduto di trattamenti particolari in assenza di atti da parte della amministrazione comunale volti a rendere pubblico e trasparente la possibilità di accedere a tale servizio attraverso manifestazioni di interesse o bandi pubblici e che in ogni caso l’amministrazione ha riconosciuto la rilevanza delle proprie azioni di supporto a tale servizio chiedendo in cambio delle esenzioni un pacchetto di misure quali la sponsorizzazione obbligatoria di eventi su richiesta del sindaco o della giunta; un numero di passaggi gratuiti annui; la divulgazione e pubblicizzazione di eventi pubblici

Il Consiglio Comunale

  • ritiene che sia necessario fare chiarezza sulla gestione del rapporto dei titolari dei trenini; sui motivi per cui non si sia proceduto alla emanazione di un regolamento secondo quanto previsto dalla LR 42/98; sui motivi per cui non sia sia provveduto con delibere di Giunta o comunale a fissare i percorsi e gli orari autorizzati; sulle caratteristiche stesse del trasporto effettuato dai trenini
  • impegna la ICCG a trattare con urgenza tale argomento e a elaborare una relazione che possa essere propedeutica alla regolamentazione di tale servizio

Simonetta Ghezzani Sinistra Italiana
Francesco Auletta Una Citta In Comune Rifondazione Comunista
Elisabetta Zuccaro M5S

Condividi questo articolo