PRESENTATA OGGI A ROMA “LA RETE DELLE CITTA’ SOLIDALI”

“Antagonismo della politica e delle pratiche”, questo il filo rosso che lega le sei liste che oggi hanno lanciato la “rete delle città solidali”. Presenti alla conferenza stampa, che si è tenuta presso l’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico di Via Ostiense a Roma, oltre alla stampa diversi partecipanti della Repubblica Romana e semplici cittadini incuriositi dalla notizia. Sandro Medici per la Repubblica Romana e Ciccio Auletta per “Una città in Comune”, la lista di cittadinanza attiva che si presenta a Pisa, hanno presentato le liste delle città aderenti impossibilitate ad essere presenti. “Brescia solidale e Libertaria per i Beni Comuni”, la cui candidata sindaca è Giovanna Giacobini, “Sinistra per Siena”, lista anche questa al femminile con Laura Vigni, “ABC: Ancona Bene Comune”, con Stefano Crispiani e “Cambiamo Messina dal basso”, con Renato Accorinti.

Percorsi simili, nati dalla politica nel territorio come attivisti e come amministratori – Sandro Medici è tuttora Presidente del X Municipio – attraversando i partiti che hanno segnato il percorso della sinistra negli ultimi anni, dal Prc a Sel, per poi superarli salvo trovarsi ancora a fianco, nelle realtà del territorio, quella parte del Prc che ad esso è rimasta legata impostando le sue pratiche in modo completamente diverso dalla politica nazionale o, come nel caso di Ancona, anche Sel, che viceversa in altre realtà come Roma, si è già impantanata nelle sabbie mobili delle clientele.

“C’è una giungla da disboscare – ha sottolineato Sandro Medici, riferendosi proprio alla palude entro la quale la politica dei partiti si è infilata – che da anni sta ingessando la società civile, stretta fra la logica del voto utile o altrimenti rattrappita, senza più un orizzonte di ampio respiro. Ecco il motivo che ci ha determinato a costruire questo fronte comune: ridefinire un’idea di società con la partecipazione attiva dei cittadini, unica strada per rifondare la politica”.

“Lo scopo della rete – è intervenuto Ciccio Auletta – è quindi quello di rompere quelle dinamiche che nelle nostre città si traducono in una rete di clientele politiche ed economiche che determinano un sistema di potere cittadino inamovibile – e Siena con la vicenda Monte Paschi ne è un esempio lampante, – attraverso pratiche comuni che diventino azione politica capace di determinare una reale alternativa di sistema”.

Contatti Uffici stampa:

Roma – Anna Maria Bruni bruni.morgan@gmail.com,

Pisa – Ciccio Auletta ciccioauletta@libero.it

Siena – Daniela Passeri daniela.passeri.siena@gmail.com

Ancona – Katya Mastantuono katya.mastantuono@livecom.it

Brescia – Gianluigi Chitto Gianluigi.Chitto@farco.it

Messina – Giampiero Neri staff@renatoaccorintisindaco.it

Condividi questo articolo