Proposta operativa per riavvicinare i cittadini alla gestione della città

I tavoli di lavoro che hanno elaborato il programma di “una città in comune” hanno presentato  delle proposte operative per ogni area tematica affrontata, che trovate elencate nelle rispettive parti del programma.

La proposta che segue è una proposta trasversale a tutti i temi del programma, nata da una esigenza comune emersa da tutti i tavoli di lavoro.

————————————————————————————————————

Proposta 1

I Centri della Città: nei locali delle ex-circoscrizioni, riprendendo le proposte dei tavoli di lavoro sulla partecipazione, l’economia locale, l’ambiente e i beni comuni, proponiamo di istituire dei centri di reale partecipazione interni ai quartieri. Per poter riavvicinare i cittadini alla gestione della città, per incoraggiarli a frequentare i luoghi di tutti, pensiamo che per prima cosa sia importante riportarci funzioni concrete, che aiutino i cittadini ad affrontare i problemi della vita quotidiana.
Nel percorso che sarà avviato da subito, relativo all’individuazione della migliore forma di gestione condivisa degli spazi e dei percorsi decisionali, fino ad arrivare ai bilanci partecipativi, pensiamo di iniziare da restituire ai cittadini spazi di fruizione pubblica e comune. Con questo scopo i Centri di Città, operando di concerto con le altre realtà sociali presenti nei quartieri (circoli), saranno a disposizione per attività autogestite come: supporto nella distribuzione dei beni acquistati dai Gruppi di Acquisto Locale di quartiere; recapito di oggetti sempre funzionali ma non più utili al proprietario; luoghi in cui siano esposti tutti i progetti promossi dall’amministrazione comunale su cui sia possibile chiedere informazioni; biblioteche dal basso, gestite da associazioni e gruppi di interesse. I locali saranno inoltre disponibili per iniziative ricreative e di socializzazione, culturali e politiche promosse da gruppi di cittadini.