Base militare: assemblea farsa, il Ministro rilancia la realizzazione della base anche a Coltano

Faremo tesoro delle vostre indicazioni”. Con queste parole il sindaco Conti chiudeva lunedi notte l’assemblea pubblica alla Leopolda da cui era emersa una netta contrarietà al progetto della base militare, a Coltano o altrove.

È stata l’ennesima bugia, l’ennesima farsa: oggi apprendiamo che solo qualche ora dopo quella assemblea il Ministro Guerini ha dato il via libera ad un nuovo Dpcm che conferma la realizzazione della mega infrastruttura militare a Pisa, di cui una parte continuerà ad essere del Parco, anzi: nel borgo di Coltano.

Tutto questo con l’ok di Comune e Regione, di Conti e di Giani, del Pd e della Lega che hanno tenuto nascosta anche la nuova bozza.

Loro parlano di “ecostruttura”, “rigenerazione urbana” e “armonia con le esigenze della pianificazione urbanistica e ambientale”.

La verità è che si continua col progetto, che il Parco è sempre nel mirino, e che si vogliono spendere 190 milioni di euro del Fondo di coesione sociale per militarizzare e devastare il territorio.

In risposta a questo ennesimo schiaffo da parte chi ci governa invitiamo ancor di più ad una grandissima mobilitazione per il 2 giugno a Coltano: per fermare i loro piani e ribadire che questa base non la vogliamo, né a Coltano né altrove.

Una città in comune
Rifondazione Comunista

Condividi questo articolo

Lascia un commento