L’edicola della legalità è un bene confiscato alla mafia e va restituita alla città

Qualche giorno fa, davanti al silenzio assordante di una città sempre più smemorata, Ciccio Auletta ricordava con un post su facebook i 50 passi delle politiche indecorose della giunta Conti e la pagina nera dello smontaggio nella notte del chiosco della legalità in Borgo Stretto.

Smontare di nascosto e lasciare poi nell’abbandono più assoluto un bene confiscato alla mafia, ha un significato politico preciso e manda alla città un messaggio che va respinto con forza.

La battaglia sui beni confiscati e il loro riutilizzo è un caposaldo del movimento antimafia, dalla legge Rognoni-La Torre alle battaglie di Libera degli anni 90, e quanto accaduto a Pisa è una ferita aperta, uno spartiacque.
Proprio ieri abbiamo chiesto l’audizione dei membri dell’osservatorio sulle infiltrazioni criminali nel nostro comune, uno strumento che è stato istituito grazie alla nostra iniziativa.

Vogliamo anche ricordare il nostro ordine del giorno sui beni confiscati che naturalmente la Destra ha bocciato senza vergogna.

Una città in comune

Condividi questo articolo

Lascia un commento