No agli spot elettorali sulle spalle della città

Siamo preoccupati. Questo ultimo mese e mezzo di consiliatura rischia di essere trasformato dalla giunta Filippeschi e dalla sua maggioranza in un grande spot elettorale in cui l’unico obiettivo è quello di far approvare ad ogni costo tutta una serie di provvedimenti, alcuni che attendono da tempo e altri spuntati come funghi, per un mero interesse legato alla campagna elettorale per le prossime amministrative.

Lo diciamo subito a scanso di equivoci e di strumentalizzazioni: noi a tutto questo non siamo disponibili. Le pratiche che la giunta intende portare alla attenzione delle commissioni e del consiglio –  da quelle urbanistiche a quelle relative al bilancio e al patrimonio fino al piano del commercio – non possono subire accelerazioni immotivate a scapito della serietà e di un approfondimento che consenta ai consiglieri comunali di prendere le proprie decisioni consapevolmente.

Si profilano già nei prossimi giorni commissioni fiume con 3-4 delibere importanti che verranno illustrate per la prima volta con l’obiettivo di portarle in pochissimi giorni al voto in consiglio comunale. Ci siamo sempre opposti durante tutta la consiliatura a  queste procedure forzate e lo faremo ancor di più in questo mese e mezzo. Siamo disponibili ad analizzare tutte le proposte della giunta ma con percorsi chiari e trasparenti che rispettino la vita democratica del nostro consiglio.

Amministrare la città è una cosa fin troppo seria per essere piegata come sta facendo la giunta Filippeschi, con kermesse e spot di ogni tipo, alla propaganda elettorale di una parte. Da parte nostra continueremo fino all’ultimo giorno a svolgere e ricoprire il ruolo dei consiglieri comunali con lo spirito e il metodo con cui ci siamo comportati in questi 5 anni.

Ciccio Auletta e Marco Ricci- gruppo consiliare Una città in Comune- Partito della Rifondazione Comunista

Condividi questo articolo

Lascia un commento