Nuovo aeroporto Peretola: campo per le larghe intese destre-IV-PD. L’opera va cancellata

“Il Governo conferma i fondi per la nuova infrastruttura a Peretola entro dicembre 2024”

Dal Governo nazionale arriva un’accelerazione per la realizzazione della nuova pista di Peretola. Il decreto Milleproroghe del governo Meloni proroga, infatti, la spesa necessaria per questa grande opera fino al 31 dicembre 2024.

Il presunto carattere strategico di un’infrastruttura sbagliata e contraria alla tutela del territorio si conferma ancora una volta campo di larghe intese tra le destre e il centrosinistra, per assecondare i profitti delle multinazionali all’interno di un modello di sviluppo insostenibile ambientalmente e socialmente.

E in vista delle campagne elettorale per le comunali a Firenze – tra un anno per la Presidenza della Regione – centrodestra e centrosinistra fanno a gara per dimostrarsi affidabili nel tutelare gli interessi privati.

E non è un caso che la candidata sindaca per il centrosinistra fiorentino Funaro, così come il Sindaco uscente Nardella e lo stesso Giani lo abbiano detto in ogni modo: per loro è necessario “ampliare” e far volare più aerei su Firenze. Il resto sono chiacchiere da campagna elettorale.

Rilevante in questo scacchiere bipartisan il ruolo che continuano a esercitare una serie di figure legate alla storia politica di Matteo Renzi, come Marco Carrai – ancora presidente della società Toscana Aeroporti, oltre che presidente della Fondazione Meyer e console onorario di Israele.

A differenza di tutte queste forze politiche le nostre coalizioni a Firenze come a Pisa sono, invece, le uniche che con coerenza da anni portiamo avanti dentro e fuori i consigli comunali una posizione comune in entrambe le città, di assoluta contrarietà a quest’opera, che deve essere bloccata e cancellata dal masterplan di Toscana Aeroporti.

Alla luce della crisi climatica i cui effetti devastanti sotto anche in questi giorni sotto gli occhi di tutti, nella nostra Regione si pensa di continuare a drenare milioni e milioni di risorse pubbliche sottraendole ancora una volta agli interventi necessari per i nostri territori, a partire dal potenziamento delle linee ferroviarie e della messa in sicurezza del territorio: tutto sembra voler garantire esclusivamente le strategie economiche e finanziarie di Corporacion America.

Difesa del lavoro, tutela del territorio, un modello di infrastrutture capace di coniugare il diritto alla mobilità e la lotta al cambiamento climatico sono invece i pilastri nella tutela dell’interesse pubblico che porteremo ancora una volta nei consigli comunali, con una mozione contro questa decisione del governo e per lo stralcio della nuova pista di Peretola dal masterplan di Toscana Aeroporti.

Dmitrij Palagi, Antonella Bundu – Sinistra Progetto Comune (Firenze)
Ciccio Auletta – Diritti in comune Pisa: Una città in Comune – Unione Popolare

Condividi questo articolo

Lascia un commento